Il Nuovo Trend del Marketing Culturale: Art Bonus

 In Blog

Le fila dei nuovi mecenati del XXI secolo ormai non sono più formate da uno sparuto numero di early adopter della prima ora, ma da sempre più imprese e persone interessate a sostenere il patrimonio culturale del proprio paese. L’attenzione verso il proprio territorio e le bellezze che può offrire, si sono tradotte in una serie crescente di iniziative per valorizzare e promuovere le bellezze che ci circondano e hanno trovato nelle libere donazioni, la forma di espressione ideale.

L’offerta di un contributo verso istituzioni ed enti che si impegnano quotidianamente per il mantenimento e la diffusione di molteplici capolavori, è una delle nuove leve del marketing culturale tra le più semplici ma tra le più efficaci e positive per tutti gli interlocutori in gioco.

Sembra un’azione fine a sé stessa quella di metter mano al portafoglio e sentirsi la coscienza a posto?

Niente di più sbagliato. I vantaggi che arrivano da una donazione forse non sono immediati ma hanno dalla loro parte diversi assi nella manica.

Investire su patrimoni artistici è infatti uno strumento strategico che rafforza la propria brand raputation attraverso azioni concrete che valorizzano il posizionamento di un marchio.

La connessione con il territorio e con i suoi cittadini diventa più profonda, in quanto ci si pone in primo piano per la sua protezione ma anche promozione, aumentando la notorietà e portando a nuovi interessi esterni che si traducono in opportunità turistiche e di sviluppo economico: la Responsabilità Sociale d’Impresa diventa responsabilità culturale, producendo un valore collettivo reale.

Nuovi partner si affacciano alla porta: l’avvicinamento ad istituzioni ed enti pubblici fa che si coltivino collaborazioni proficue e durature, uno dei benefit più ricercati dalle aziende.

Scopri i vantaggi e le agevolazioni di Art Bonus

Le ricadute positive sono molteplici e creano un circolo virtuoso di vantaggi per tutti gli attori in gioco e mette il brand in primo piano. L’awarness aumenta, attraverso una media coverage gratuita, per la quale il brand ringrazia.

E se da questa offerta si riesce pure ad avere un’agevolazione fiscale sull’importo, non si hanno più ragioni per non attuarla. In Italia, grazie ad Art Bonus, la detrazione è pari al 65% della donazione, la percentuale più alta d’Europa. Ben 180 sono i milioni finora raccolti tra tutte le donazioni, segnando fin da subito il successo dell’iniziativa, promossa dal 2014 e che conta ad oggi ben 3500 mecenati.

Diversi i grandi nomi che si sono distinti tra i donatori della prima ora grazie ad Art Bonus, divenuto decreto legislativo nel 2014. Agsm Energia è il fautore del sostegno alla Fondazione Arena di Verona, coprendo due terzi della richiesta iniziale. Roma è stata appannaggio dell’haute couture: Tod’s ha sostenuto il Colosseo, Bulgari le Terme di Caracalla, Fendi la Fontana di Trevi. Diesel non si è infine letteralmente risparmiato: il Ponte dell’Accademia e di Rialto a Venezia e il Ponte degli Alpini a Bassano, sua città d’origine, hanno trovato il suo appoggio.

Gli italiani vivono immersi nella bellezza dell’arte. È una parte di noi. Se si dona per la cultura, si ha non solo un vantaggio fiscale, ma soprattutto l’orgoglio di prendersi cura del patrimonio culturale italiano. Sostenere la cultura e rendere l’Italia ancora più bella, permette di conservare la nostra identità per valorizzarla ora e poterla trasmettere alle nuove generazioni. 

 

Vuoi saperne di più su Art Bonus e le nuove vie del marketing culturale?

Recent Posts

Leave a Comment